Consigli per concordare il congedo parentale

Ecco tutto ciò che dovreste sapere per organizzare il congedo di maternità e affrontare il periodo post-partum con più tranquillità.

Sapere come concordare il congedo parentale è molto importante, perché vi permetterà di affrontare il periodo post-partum con più tranquillità. Inoltre, in questo modo saprete anche quando tornare e come organizzarvi.

Consigli per concordare il congedo parentale

Parlate con il vostro capo

Spesso è molto più facile lavorare con un dipendente già affermato che richiede un congedo quando diventa genitore, piuttosto che assumere e formare un nuovo dipendente. Sì, ora avete un bambino, ma siete ancora un’ottima dipendente e la vostra azienda ne trarrà beneficio se le vostre esigenze saranno soddisfatte.

Riprendete il lavoro con calma

Potete lavorare da casa od organizzare orari flessibili? Il vostro datore di lavoro sarebbe disposto a farvi lavorare meno giorni o settimane per un po’? Forse potete discutere di tornare a lavorare part-time o di venire nei fine settimana quando il vostro partner può occuparsi del bambino.

Fate squadra con il vostro partner

Lavorate insieme per scaglionare i vostri congedi combinati. Una madre racconta: “Mio marito si è preso due settimane di ferie, io ne ho prese sei e lui ne ha prese altre due quando sono tornata al lavoro”.

Sfruttate le ferie e i permessi per malattia

Se la vostra azienda offre già un congedo, potete usarlo per prolungarlo.

come concordare il congedo parentale

Tirare il latte al lavoro: un fattore importante

Strutturate il vostro programma in modo da replicare gli orari di allattamento del bambino, in modo che il vostro corpo riceva i segnali necessari per continuare a produrre latte a sufficienza. Evitate di saltare le sessioni, che possono segnalare al vostro corpo una minore produzione di latte.

Se è difficile ricordarsi di staccare dal lavoro, provate a impostare degli allarmi sul telefono o a usare un’applicazione che vi aiuti a tenere traccia delle sessioni di pompaggio e della quantità di latte prodotto. Assicuratevi anche di scegliere il prodotto più adatto a voi, come un tiralatte manuale o elettrico.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come gestire la gravidanza al lavoro: la guida

Tornare al lavoro dopo il parto: cosa aspettarsi davvero?

Leggi anche
  • corso cannabinologiaUniversità: è nato un corso di laurea in Cannabinologia anche in Italia

    Sono ormai molti anni che la cannabis è tornata al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica e dei governi di tutto il mondo e ora si studia all’Università.

  • lavoro onlineUn’opportunità di lavoro online sempre più in voga

    Molte madri desiderano arrotondare il proprio stipendio oppure generare delle entrate secondarie. Il Web viene in soccorso di chiunque abbia voglia di provare un business nuovo e in continua crescita, ovvero la vendita di intimo usato.

  • Loading...
  • Tornare al lavoro dopo il partoTornare al lavoro dopo il parto: cosa aspettarsi davvero?

    Il rientro dal congedo di maternità è un grande adattamento. Ecco come prepararsi al meglio…

  • Tirare il latteTirare il latte è un’espressione d’amore: ecco come procedere

    Come regola generale, dovreste tirare il latte una volta al lavoro per ogni poppata saltata. Ecco tutto ciò che dovreste sapere.

  • Tirare il latte al lavoroTirare il latte al lavoro: i migliori consigli per organizzarsi

    Sto per tornare al lavoro e ho intenzione di tirare il latte lì. Come posso prepararmi in modo efficace?

Contents.media