Complicazioni post-partum: quali sono e come affrontarle

Le donne vivono questa fase in modo diverso, quindi è importante seguire i consigli del medico per il follow-up e le varie istruzioni.

Molte donne non soffrono di complicazioni post-partum, ma è comunque un periodo delicato. Il corpo e tutti i suoi sistemi stanno tornando alla “normalità” pre-gravidanza. Le donne vivono questa fase in modo diverso, quindi è importante seguire i consigli del tuo medico per il follow-up e le istruzioni.

I problemi più comuni dopo il parto sono infezioni, sanguinamento eccessivo ed emorragia post-partum, tromboembolia venosa (formazione di coaguli anomali nei vasi sanguigni), problemi di pressione alta e disturbi dell’umore.

Le complicazioni post-partum più comuni

Infezioni

Le infezioni possono verificarsi dopo un parto vaginale o cesareo e possono coinvolgere qualsiasi area con punti di sutura (come un’incisione del cesareo o una lacerazione perineale) o l’utero stesso.

Anche altri sistemi possono essere a più alto rischio di infezione a causa dei cambiamenti legati alla gravidanza e alle circostanze individuali del parto. I fattori di rischio per l’infezione includono febbre, nuova comparsa di dolore in un sito chirurgico e arrossamento o pus dove ci sono punti di sutura.

Sanguinamento pesante

L’emorragia dopo il parto vaginale è comune sia per le donne che partoriscono per via vaginale che per il taglio cesareo.

Di solito assomiglia a un ciclo mestruale pesante e può durare fino a sei settimane. Anche se generalmente si alleggerisce con il tempo, può essere altalenante. Detto questo, se inizi a sperimentare un sanguinamento pesante, come inzuppare un tampone ogni ora o avere coaguli di sangue più grandi di un limone, cerca l’attenzione medica. Il passaggio di coaguli che possono essere descritti come la dimensione di una qualsiasi moneta non è generalmente preoccupante, ma in caso di dubbio, controlla con il tuo medico.

Complicazioni post-partum sintomi

Alta pressione sanguigna

Se la pressione alta (ipertensione) o la preeclampsia è stata notata durante la gravidanza, un monitoraggio più attento è spesso raccomandato dopo il parto. A volte gravi innalzamenti della pressione sanguigna sono associati a gravi mal di testa o cambiamenti visivi, quindi questi dovrebbero ottenere la tua attenzione, anche se non c’era nessun problema con la tua pressione sanguigna durante la gravidanza.

Disturbi dell’umore

L’ultima area di preoccupazione sono i disturbi dell’umore post-partum. La maggior parte delle donne ha un certo grado di “baby blues”, che generalmente si risolve nelle prime settimane. Sia la depressione post-partum che la psicosi post-partum sono più gravi e hanno rischi sia per la madre che per il suo nuovo bambino. Attenzione ai pensieri di fare del male a se stessi o al proprio bambino; dovrebbero essere valutati urgentemente nell’assistenza postpartum.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Esercizi post-partum semplici e sicuri: ecco i migliori

La durata del recupero post-partum: tutto ciò che devi sapere

Leggi anche
  • zara abbigliamento bambina vestitiniZara abbigliamento bambina: 5 vestitini da non perdere

    Le bambine amano fare shopping e scegliere i propri capi: scopriamo i migliori vestitini per bambina di Zara abbigliamento.

  • migliori zaini per la scuola 2020Zaini per la scuola 2020: quale acquistare?

    Il nuovo anno scolastico è ormai alle porte: quali sono i migliori zaini per la scuola 2020 da acquistare online?

  • Loading...
  • Yoga neo-mamme e bimbiYoga, neo-mamme e bimbi: tutti i vantaggi

    Ecco quali sono i benefici fisici e psicologici dello yoga nelle neo-mamme e nei bimbi dopo il parto.

  • Vestiti pre-gravidanzaVestiti pre-gravidanza: potrai indossarli di nuovo?

    Ogni volta che ti senti frustrata dal tuo aspetto, prendi il tuo bambino e vai allo specchio più vicino.

  • ScatolaUnboxing: cos’è e quali rischi comporta per i bambini

    Il fenomeno dell’unboxing riscuote un successo sempre maggiore ma, pur essendo perlopiù innocuo, può rappresentare dei rischi per i più piccoli.

Contents.media