Come togliere il pannolino ai bambini in modo facile e veloce

Solitamente i genitori insegnano ai figli a usare il wc verso il loro secondo anno di vita, ma la fascia d'età può sempre variare: quando e come si può togliere il pannolino ai bambini?

Prima o poi, tocca a tutti imparare a fare i propri bisogni al wc. Ma a che età imparano i bambini e quando è più corretto iniziare con il “training“? Alcune tecniche comprovate accorrono in nostro aiuto spiegandoci come togliere il pannolino ai bambini in modo graduale e rassicurante.

Un consiglio iniziale ai genitori: abbiate tanta pazienza ed elogiate il vostro bambino ogni volta che riesce a fare da solo i suoi bisognini.

Come togliere il pannolino ai bambini

Non tutti i bambini imparano a usare il wc alla stessa età: ci sono alcuni che lo sanno fare già verso i 18 mesi, mentre altri impiegano anche fino ai tre anni. L’importante è mostrare sempre pazienza e incoraggiamento in modo da non trasformare l’insegnamento in un’esperienza negativa per il bimbo.

Per la precisione, i genitori cercano di eliminare l’uso del pannolino verso i due anni e mezzo di età del figlio.

L’indicatore più importante, in tutto ciò, è il bambino stesso: vi sembra pronto? Questo lo si può valutare interpretando i segnali del bimbo: se sa già camminare autonomamente, se sa sedersi, se sa comunicare i suoi bisogni e le sue necessità e, soprattutto, se sarebbe in grado di seguire delle semplici istruzioni.

Advertisements

Creare l’abitudine con l’attrezzatura giusta

Prima ancora di utilizzare il wc autonomamente, sono due le opzioni consigliate: il vasino o un riduttore da wc apposito. Non bisogna iniziare mai insegnando a farla direttamente nel wc visto che, data la sua ampiezza, il bambino potrebbe provare paura a sedercisi sopra, mentre altri si potrebbero spaventare al semplice rumore dello scarico.

Creare un’abitudine richiede molta pazienza e pratica, all’inizio sarà necessario integrare l’utilizzo del vasino nella vita di tutti i giorni, in modo che il bambino familiarizzi con l’oggetto stesso.

Ovviamente non sarà in grado di capire da solo quando usarlo, quindi è meglio accompagnarlo e farlo sedere quando c’è maggiore probabilità che abbia bisogno di fare i bisognini. Non forzatelo: se sembra avere paura del vasino o non gradire la situazione, rimandate quel momento fino a quando non sembrerà più tranquillo.

Imparare con l’imitazione e con l’incoraggiamento

Il modo in cui i bambini imparano più facilmente è proprio tramite l’imitazione di ciò che fanno i genitori.

Potete lasciare che vi osservino mentre fate pipì, in modo da normalizzare l’atto per il bambino e far capire che non c’è niente di male. Se è maschio, è comunque necessario che impari a fare la pipì da seduto prima di poterla fare in piedi. Bisogna inoltre mostrare come pulirsi bene con la carta, tirare su le mutandine senza combinare disastri e utilizzare lo scarico, finendo con il lavaggio delle mani.

L’incoraggiamento è un elemento essenziale del processo: invitate il bambino a sedersi sul vasino quando ne sente il bisogno. Ovviamente quest’ultimo dovrebbe anche sentirsi a suo agio nel chiedervi aiuto qualora lo necessitasse. Se il bambino si mostrasse impaziente e non riuscisse ad espletare immediatamente i suoi bisogni, spiegategli che può rimanere seduto lì quanto vuole, finché non succede qualcosa. Non solo è consigliato incoraggiare, ma anche elogiare: fare i complimenti al bambino lo renderà orgoglioso del suo successo e rinforzerà l’abitudine.

Gestire gli imprevisti

All’inizio sarà più che normale che il bambino, nonostante abbia imparato a usare il wc da solo, faccia comunque la pipì a letto durante la notte. Non scoraggiatevi ma piuttosto munitevi di pannolini di emergenza fino a quando il piccolo non avrà imparato a gestire anche i bisognini quando dorme!

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

L’importanza del 4 luglio in America: come spiegarlo ai bambini

Come spiegare la giornata mondiale dell’ambiente ai bambini

Leggi anche
  • ZainoZaino scuola per bambini: modelli e marche migliori

    Le vacanze estive stanno finendo ed è tempo di pensare al rietro a scuola; Zaino scuola per bambini: modelli e marche migliori.

  • zaini scuolaZaini scuola: quale scegliere per i propri figli

    La scelta degli zaini scuola per i figli è fondamentale per affrontare l’anno scolastico in arrivo. Sicuramente alla moda, ma comodi e di qualità.

  • Zaini elementari bimba: le tendenze del momentoZaini elementari bimba: le tendenze del momento

    Con l’inizio delle scuole elementari è importante scegliere,per la propria bambina, uno zaino comodo e capiente ma al passo con le tendenze del momento.

  • zaini elementari bambinoZaini elementari bambino: quale acquistare

    Lo zaino è l’accessorio fondamentale per la scuola elementare: in esso verranno riposti tutti gli oggetti necessari per affrontare la quotidianità scolastica. Quali caratteristiche deve avere uno zaino adatto ad un bambino? Di seguito i modelli migliori.

  • Loading...
  • Zaini asilo bimbo: i modelli più belliZaini asilo bimbo: i modelli più belli

    Per far affrontare al meglio l’avventura dell’asilo ai nostri figli, vediamo quali sono i modelli migliori e come sceglierli.

Contents.media