Come riconoscere le contrazioni

Le contrazioni che si verificano durante il travaglio sono degli spasmi necessari alla preparazione del canale del parto e all’eliminazione del liquido amniotico in cui è immerso il nascituro. Sono provocate da una serie di misteriosi fattori e si generano quando il cervello del bambino invia dei messaggi chimici al corpo della madre per segnalare che è pronto per il parto, attivando la produzione di specifici ormoni, ovvero le prostaglandine e l’ossitocina, che stimolano i movimenti uterini.

Bisogna saper distinguere fra tre tipologie di contrazioni: pratiche, false e reali.

Le contrazioni pratiche possono verificarsi in qualsiasi momento dopo aver superato la metà della gravidanza, sono del tutto fisiologiche e sono dovute alla discesa della testa del feto nel bacino e alla preparazione della cervice per il parto, ma non causano nessuna dilatazione. Le false contrazioni si verificano ad intervalli di tempo non regolari e di solito si fermano se si cambia posizione, mentre le contrazioni reali, ossia quelle che contraddistinguono l’inizio del travaglio, hanno delle caratteristiche che le rendono ben riconoscibili:

  • si manifestano in qualsiasi posizione la gestante si trovi, seduta, sdraiata o in piedi non fa differenza;
  • diventano sempre più frequenti e regolari, in genere si verificano ogni 5-10 minuti, ed è proprio la regolarità della loro frequenza a far capire alla donna che è in fase di travaglio;
  • possono essere accompagnate da mal di stomaco, crampi, diarrea, nonché da dolori all’addome, alle cosce o alla schiena;
  • durante gli spasmi possono esserci delle perdite vaginali di sangue;
  • si verifica la cosiddetta “rottura delle acque” ovvero l’apertura delle membrane uterine a seguito della rottura del sacco amniotico con la fuoriuscita del liquido. Potrebbe prodursi anche prima dell’inizio del travaglio, ossia prima dell’avvio delle contrazioni reali e la donna se ne accorge perché si sente improvvisamente bagnata nelle parti intime e le perdite sono abbondanti.

Se notate questi sintomi, in qualunque stadio della gravidanza vi troviate, chiamate subito il vostro medico o ginecologo, in modo che egli stesso possa valutare se è il caso di correre in ospedale perché il momento del parto è vicino. Anche se ciò dovesse accadere nel cuore della notte, non abbiate paura di disturbare, si tratta di una situazione che richiede immediata attenzione, soprattutto se avvertite delle contrazioni forti con perdite di sangue quando siete ancora lontane dal termine della gravidanza, perché potrebbero esserci delle minacce di aborto spontaneo.

Scritto da Antonietta Zazzara
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

quali sono i maggiori rischi del parto in casa

Cambiamenti del corpo ottavo mese di gravidanza

Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaZenzero contro la nausea
  • Zanzare bambini rimediZanzare: i rimedi per difendere i bambini

    Le zanzare in estate, ma spesso si presentano anche in inverno, rappresentano un fastidio continuo, ma per i bambini possono essere anche dannose. Ecco dei consigli per proteggere e prevenire i vostri figli dalle punture di questi insetti.

  • Yogurt magro, fa bene e ha meno calorieYogurt magro, fa bene e ha meno calorie
  • Loading...
  • Yoghurt senza zuccheroYoghurt senza zucchero
  • Yoga o meditazione zen in gravidanzaYoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

Contents.media