Notizie.it logo

Come relazionarsi con un marito prepotente

Come relazionarsi con un marito prepotente

La maggior parte dei litigi tra coniugi sono legati al controllo di questioni come le decisioni genitoriali, i problemi economici, problemi legati al lavoro (come cambiare o perdere il lavoro, o un avanzamento di carriera) e la relazione con i parenti. Se la prepotenza di tuo marito causa continui litigi per il controllo, impara qualche tecnica che ti aiuti a tenere basso il livello di ansia mentre cerchi un equilibrio tra i punti di vista di entrambi.
Mantieni la calma
Quando tuo marito comincia una discussione su una questione delicata, la cosa migliore da fare è mantenere l’autocontrollo. Impara a rispondere piuttosto che reagire. Prima di rispondere, mantieni la calma usando qualsiasi stratagemma (conta fino a 10, fai respiri profondi, ecc.). In questo modo, riuscirai a discutere del problema, anziché peggiorare il litigio aggiungendo al caos altri motivi di litigio.
Sii rispettosa
Se tuo marito ti chiede qualcosa che non vuoi dargli, guardalo dritto negli occhi e digli di no con calma e senza dargli spiegazioni o inventare scuse.

Se necessario, ripeti. Non cedere alla tentazione di dargli soprannomi, di assumere atteggiamenti bellicosi o di rispondere urlando. Ricordagli che non reagirai alla sua prepotenza, ma che sei, tuttavia, disponibile ad ascoltare le sue richieste e discuterne con calma.
Mantieni la tua posizione
Non discutere con qualcuno che ha un attacco isterico o degli atteggiamenti minacciosi nei tuoi confronti. Mantieni le distanze e cerca aiuto anche se può essere difficile, specialmente se tuo marito è irruento. Cerca di riconoscere i segnali che precedono queste situazioni e metti da parte gli argomenti sensibili prima che le cose ti sfuggano di mano. Quando tuo marito sfocia in comportamenti violenti, pensa alla tua incolumità. Lascia la stanza e chiama i Carabinieri se necessario.
Ricompensa il partner
Prendi in considerazione le richieste del partner. Se ti chiede qualcosa che puoi dargli e non compromette i tuoi valori e la tua etica, accontenta la sua richiesta qualche giorno dopo, quando lui si sarà calmato.

Non essere autoritaria, aggressiva o assillante con lui, e non “punirlo”. Trattalo con la stessa gentilezza con cui tu vorresti essere trattata in una situazione simile.
Ricorda l’amore
A volte è difficile ricordarsi perché hai sposato una persona dopo tanti anni di screzi. La maggior parte delle coppie si sposa per amore. Quando si ristabilisce la calma, ricorda a te stessa e a lui che lo ami ancora. Abbi il coraggio di iniziare la terapia di coppia se tuo marito è d’accordo. Spesso, una persona esterna alla coppia aiuta a mediare le divergenze tra marito e moglie aiutandoli a fare pace o trovare il modo di separarsi serenamente.

© Riproduzione riservata
Leggi anche