Come ottenere la maternità anticipata

Molte future mamme,

lavoratrici, riescono a lavorare fino al settimo o all’ottavo mese di gravidanza, senza problemi, ma ci sono alcuni casi, disciplinati dalla legge, in cui è necessario anticipare la data prevista dalla maternità obbligatoria, e sospendere subito l’attività lavorativa, per proteggere la salute della mamma e del bambino.

Viene concessa la maternità anticipata.

I casi in cui si può farne richiesta sono i seguenti:

  1. gravidanza a rischio
  2. condizioni di lavoro e/o ambientali dannose per la salute della donna e del bambino
  3. quando la lavoratrice è addetta al trasporto o sollevamento di pesi, o a lavori pericolosi e insalubri, e non si apossibile spostarla ad altre mansioni più idonee.

A chi spetta:

  • a tutte le lavoratrici dipendenti, incluse le lavoratrici agricole e domestiche.
  • le lavoratrici sospese da meno di 60 giorni, oppure le lavoratrici che percepiscono l’indennità di disoccupazione, o sono in cassa integrazione, o mobilità, possono richiedere la maternità anticipata solo nel caso di gravidanza a rischio.

La lavoratrice che presenta una gravidanza a rischio, deve presentare al Servizio ispezione del lavoro della DPL competente in base alla propria residenza abituale:

  • la domanda di interdizione anticipata;
  • il certificato medico di gravidanza;
  • il certificato medico attestante le gravi complicanze della gravidanza
  • qualunque altra documentazione che ritenga utile.

Il Servizio ispezione della DPL, sulla base di accertamenti medico-sanitari, che sono effettuati dall’ASL, emette il provvedimento entro 7 giorni decorrenti dal giorno successivo a quello di ricezione della documentazione completa.
All’atto della ricezione della documentazione, il Servizio ispezione del lavoro rilascia apposita ricevuta in duplice copia, una delle quali verrà presentata dalla lavoratrice al proprio datore di lavoro. In ogni caso, qualora entro il termine di 7 giorni non sia stato emesso il provvedimento del Servizio ispettivo, la domanda si intende accolta.

Per le lavoratrici che prestano la loro attività in un dannoso per la gravidanza, o svolgono mansioni pesanti, la richiesta di maternità anticipata può essere presentata sia dalla lavoratrice stessa, sia dal datore di lavoro. Il provvedimento è emesso dal Servizio ispezione del lavoro della DPL entro il termine di 7 giorni decorrenti dal giorno successivo a quello di ricezione della documentazione completa.

Scritto da Maria Ventura
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Costo ticket ecografia morfologica

come farsi ascoltare dai propri figli

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Yoga o meditazione zen in gravidanzaYoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

  • Loading...
  • yoga gravidanza terzo trimestreYoga in gravidanza nel terzo trimestre: gli esercizi

    Il terzo trimestre di gravidanza è il più pesante. La posizione della farfalla e la posizione propizia sono adatte per prepararsi al momento del parto

  • Yoga in gravidanza secondo trimestreYoga in gravidanza nel secondo trimestre: i consigli

    Nel secondo trimestre di gravidanza lo yoga è utile per mantenere l’elasticità del corpo in vista del parto. Quali posizioni eseguire senza rischi?

Contents.media