Come insegnare a un bambino a superare la timidezza

Molti bambini sono etichettati come timidi. La timidezza in sé e per sé può essere un ostacolo o un punto di forza del bambino, molto dipende da come viene gestita. La timidezza è infatti un tratto della personalità, non un difetto.

Le persone che la provano sono spesso buoni ascoltatori, persone riservate che sanno far apprezzare la propria presenza anche senza dire una parola. D’altro canto, in alcuni bambini, la timidezza può essere la manifestazione di problemi interiori oppure la mancanza di pace e di serenità. Questi bambini sfuggono persino agli sguardi e hanno problemi caratteriali o comportamentali. Entrando in contatto con loro ci si rende conto che agiscono spinti dalla rabbia e dalla paura anziché dalla fiducia e dalla pace.

Alcuni bambini si nascondono dietro un velo di timidezza per non rivelare se stessi poiché non si piacciono. È più sicuro non mostrare nulla di sé, in tal modo si proteggono in una sorta di guscio. La timidezza diventa una scusa per non intessere relazioni con altri. In questo caso occorre costruire o ricostruire la stima che il bambino ha di sé. Questi bimbi hanno bisogno di genitori di cui fidarsi, che sappiano insegnargli a gestire la rabbia e la delusione in modo diverso dall’interiorizzazione.

Cosa dire allora dei bambini che a due anni sorridono a ogni estraneo e a tre si chiudono come chiocciole? Le mamme spesso sono preoccupate di questo cambiamento. Prima dei due anni i bambini sono spontanei, agiscono prima di pensare, specialmente nelle relazioni sociali. Tra i due i quattro anni attraversano una seconda fase di strana ansia, come se cominciassero ad avere paura di chi non conoscono. Prima di contattare uno specialista, occorre essere pazienti.

Dare ai bambini l’incoraggiamento e lo spazio di cui hanno bisogno. Generalmente questa fase poi si attenua. I genitori comunque spesso si chiedono cosa possono fare. Ecco qui alcuni consigli:

  • Anzitutto riconosci che sei di fronte a un bambino sensibile, riservato, che si apre lentamente nella relazione con gli estranei. Nonostante ciò, sembra essere una persona felice. Abbraccialo. Il mondo gli apparirà un posto più accogliente.
  • È evidente che tu voglia aiutare tuo figlio.

    Ma presta attenzione: più tu lo forzi, più lui si tira indietro. Non puoi far uscire del tutto il bambino dalla sua timidezza. Piuttosto puoi creare un ambiente accogliente che possa stimolare in modo naturale il suo desiderio di relazione con gli altri.

  • Non forzare il bambino a fare ciò che gratifica te come adulto: desideri da sempre vederlo suonare il piano in un saggio? Oppure recitare nello spettacolo di fine anno? Lascia che sia lui a scegliere e a trovare il ruolo a lui più consono.

    Magari in regia o dietro le quinte.

Scritto da Francesca Nidola
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Qual è migliore latte artificiale per neonati?

Festa di Capodanno per bambini

Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaZenzero contro la nausea
  • Zanzare bambini rimediZanzare: i rimedi per difendere i bambini

    Le zanzare in estate, ma spesso si presentano anche in inverno, rappresentano un fastidio continuo, ma per i bambini possono essere anche dannose. Ecco dei consigli per proteggere e prevenire i vostri figli dalle punture di questi insetti.

  • ZainoZaino scuola per bambini: modelli e marche migliori

    Le vacanze estive stanno finendo ed è tempo di pensare al rietro a scuola; Zaino scuola per bambini: modelli e marche migliori.

  • Loading...
  • zaini scuolaZaini scuola: quale scegliere per i propri figli

    La scelta degli zaini scuola per i figli è fondamentale per affrontare l’anno scolastico in arrivo. Sicuramente alla moda, ma comodi e di qualità.

  • Zaini elementari bimba: le tendenze del momentoZaini elementari bimba: le tendenze del momento

    Con l’inizio delle scuole elementari è importante scegliere,per la propria bambina, uno zaino comodo e capiente ma al passo con le tendenze del momento.

Contents.media