Notizie.it logo

Come funziona utero in affitto

Come funziona utero in affitto

L’utero in affitto detto anche maternità surrogata si ha ogniqualvolta una donna si sostituisce volontariamente a un’altra donna nella gravidanza e nel parto.

Molte donne, anche famose, si sono servite di questa pratica, Nicole Kidman e suo marito, ad esempio, hanno avuto una figlia grazie a una mamma in affitto.

Due sono le forme di maternità surrogata: tradizionale e gestazionale.

Surrogazione tradizionale: il seme del padre viene utilizzato per fecondare tramite una inseminazione la madre surrogata. Il bambino viene cioè concepito con il seme del padre e gli ovociti della madre surrogata, che è quindi anche la madre biologica/genetica del bambino oltre che la sua madre gestazionale.

Surrogazione gestazione: vengono trasferiti nell’utero della madre surrogata embrioni formati con il seme del padre ricevente (o di un donatore, se il padre ricevente è sterile) e con gli ovociti della madre ricevente (o di una donatrice, se la madre ricevente è sterile).

In questo caso, quindi, la madre surrogata presta solo il proprio utero (ed è detta perciò madre gestazionale) ma non i propri ovociti.

Nel nostro Paese è vietata ogni forma di maternità surrogata che è invece consentita in Belgio, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Stati Uniti.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche