Notizie.it logo

Come funziona induzione al parto?

Come funziona induzione al parto?

La maggior parte di noi donne preferirebbe andare incontro ad un parto naturale, che si consolida spontaneamente alla scadenza dei termini, ma per molte donne la realtà è ben diversa, una donna su quattro deve far fronte all’induzione del travaglio.

Tale statistica è rimasta notevolmente invariata negli ultimi dieci anni, e il motivo più comune delle induzioni è quando una gravidanza va ben oltre la data di scadenza prevista. Secondo il dottor Christine Catling, docente presso la University of Technology Sydney, molti bambini hanno bisogno di essere indotti nel caso in cui una donna presenti una gravidanza prolungata oltre la sua data di scadenza (oltre 41 settimane), altrimenti si può mettere in pericolo la vita del bambino.

Raccontiamo il caso di una mamma, madre di due bimbi: “Sono stato indotta con il mio primo figlio, quando avevo 14 giorni di ritardo, per fortuna è stata necessaria solo l’applicazione di un gel di prostaglandina] per ottenere le contrazioni e non ho avuto bisogno della flebo [di ossitocina].

E’ stata una nascita facile”

Passare la data di scadenza è solo uno dei motivi per procedere con l’induzione del travaglio, come per Carolyn, una mamma di tre. Il suo secondo figlio è stato indotto dato che il primo figlio nato pesava 4.5 kg. Il monitoraggio evidenziava un peso maggiore sia per il secondo che per il terzo figlio per questo è stata indotta per entrambi i parti. Un’esperienza positiva per entrambi i parti.

“Mi è piaciuta molto l’intera esperienza – mi sentivo come se avessi potuto prepararmi mentalmente,” dice. ” L’esperienza positiva è data dal fatto che ho avuto accanto un grande medico di cui mi fidavo completamente.”

Secondo il dottor Catling, le donne sono indotte quando il rischio per se stesse o loro bambini supera il rischio di continuare con la gravidanza per provare ad avere un travaglio spontaneo.

“Altri motivi possono essere una malattia materna, sofferenza fetale, restrizione della crescita fetale, diabete e morte fetale in utero, i quali spesso richiedono l’induzione al fine di curare la malattia e / o di garantire il benessere del bambino”, spiega.

“Le donne con rottura delle membrane, che hanno perso le acque senza pero’ alcuna contrazione, hanno bisogno di induzione del travaglio a causa del rischio più elevato.”

Ci sono quattro metodi comunemente utilizzati per ottenere le contrazioni, spiega Dr.

Catling: la rottura artificiale delle membrane; un catetere trans-cervicale, l’inserimento di un gel alla prostaglandina (ormone utilizzato per maturare la cervice), e fiale di ossitocina, un ormone sintetico utilizzato per creare le contrazioni.

Al momento di scegliere quale metodo funziona meglio per ogni donna, il medico prenderà in considerazione sia la ragione per la quale il parto viene indotto, sia le condizioni di salute generale della futura mamma e del bebe in arrivo.
Come per tutte le procedure mediche, tuttavia, ci sono dei rischi, ed è importante per la mamma essere ben informata. Bisogna sottoporre al proprio medico tutte le domande che ci vengono in mente, proprio per capire cosa aspettarsi da un parto indotto.
“Le donne hanno bisogno avere un rapporto di fiducia e conversazione soddisfacente con il proprio ginecologo e l’ostetrica, che siano in grado di dare tutte le informazioni del caso”.

Alcuni rischi comuni possono includere infezione e sanguinamento, mentre complicazioni più gravi includono sofferenza fetale e prolasso del cordone ombelicale.

Discutere questi rischi con il medico o l’ostetrica è fondamentale durante la preparazione.

Il Dr Catling sottolinea inoltre che le madri devono comprendere che l’induzione al parto può portare ad ulteriori interventi. Ad esempio, l’induzione può portare dolore più intenso, il che rende a volte più difficile per la donna affrontare le doglie. Si può chiedere di alleviare il dolore tramite epidurale prima di quanto si sarebbe chiesto con un parto spontaneo, è necessario saperlo, per potersi preparare con il proprio medico.

Cosa si può fare per prevenire la necessità per l’induzione?

In alcuni casi, per ragioni mediche, l’induzione non può essere evitata. Ma per coloro che cercano di indurre il travaglio, dopo la data di scadenza, ci sono alcuni suggerimenti che si può tentare di attuare:

“Alcune donne cercano metodi di induzione naturali, come il sesso, la stimolazione del capezzolo”, afferma il Dr Catling.

“Tuttavia, nessuno di questi metodi ha dimostrato di essere clinicamente efficace.”

Dr Catling rileva inoltre che è importante per le donne sapere che hanno una scelta, procedere con l’induzione, ma anche rifiutare.

“Se le donne che rifiutano l’ induzione la loro decisione deve essere rispettata. In questi casi noi offriamo un maggiore monitoraggio fetale per controllare le complicazioni “, dice.

Ecco alcune delle domande da sottoporre al proprio ginecologo in caso di induzione:

• “Quali sono le principali ragioni per cui ho bisogno di essere indotta?”

• “Quali sono i rischi per me e il mio bambino, se non vengo indotto per un’altra settimana?”

• “Quali accorgimenti tentare per aiutare un travaglio naturale?”

• “Quali sono i metodi che saranno utilizzati per indurre il mio parto?

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche