Notizie.it logo

Come fare un trattamento di olio caldo a casa

Come fare un trattamento di olio caldo a casa

Il trattamento a olio caldo per i vostri capelli è semplice, conveniente e funziona. “Dare ai capelli un po ‘di attenzione e massaggiare il cuoio capelluto fa la differenza nella sua consistenza e “, spiega Mimi Kirk, autore di “Live Raw:. Raw Food Recipes per una buona salute e la bellezza senza tempo” Kirk, a 70 anni, spiega che l’uso di oli naturali nei capelli mantiene morbido e un aspetto sano.

Questo trattamento per capelli richiede un olio come l’olio extra vergine di oliva. Avrete anche bisogno di una piccola ciotola per l’olio e un pettine, una cuffia per la doccia e un’ora di relax.

Versare un po ‘di olio puro in una piccola ciotola o tazza. Tra gli oli che si possono usare vi sono olio extra vergine di oliva, olio di cocco vergine e olio di avocado.

Olio di cocco si presenta in forma solida, ma si liquefa quando è riscaldato. La quantità di olio dipende dalla lunghezza e lo spessore dei vostri capelli.

Kirk suggerisce di utilizzare il dito per testare. “Il petrolio non deve essere caldo per lavorare,” ha detto. “Metto un po ‘di olio in una ciotola per l’acqua, proprio come sto cucinando con una doppia caldaia.” Oppure utilizzare un forno a microonde per pochi secondi, ma testare frequentemente.
Versare una piccola quantità di olio nel palmo della mano e massaggiare nel vostro cuoio capelluto. Continuare ad aggiungere olio fino a quando tutti i capelli ne sono completamente coperti. Se siete preoccupati per un pasticcio, farlo nel bagno o in piedi sopra il lavandino.

Suggerimento: Un bagno accogliente è un’opzione piacevole.

Usando le dita, un pettine o entrambi, assicurarsi che l’olio si distribuisca uniformemente in tutti i capelli.

Mettere una cuffia, risciacquare e ripetere l’operazione almeno una o due volte ogni mese.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaZenzero contro la nausea

    Lo zenzero è utile per combattere la nausea che di solito è una conseguenza della chemioterapia, dell’avvelenamento da cibo, delle

Leggi anche