Notizie.it logo

Come affrontare crisi di pianto del neonato dopo poppata

Come affrontare crisi di pianto del neonato dopo poppata

Se il vostro bambino piange dopo aver mangiato per prima cosa cercate di capirne il motivo, può avere le tanto temute colichette, un reflusso gastroesofageo oppure non ha mangiato abbastanza o sta semplicemente digerendo.

Tralasciando le coliche di cui trovate diversi articoli in questo stesso sito, se il neonato piange dopo la poppata potrebbe avere un reflusso, in genere questo disturbo non ha bisogno di essere trattato con farmaci, provate con questi semplici accorgimenti:

  • dopo aver mangiato, non sdraiatelo ma mantenetelo in posizione semi-eretta, se preferite comunque sdraiarlo mettetelo in una culla o una cesta invece che nel lettino;
  • su consiglio del pediatra o del farmacista potete provare con dei preparati naturali come tisane a base di malva, calendula e camomilla; aloe vera; mirtillo o un pizzico di bicarbonato in un po’ d’acqua.

Se piange appena lo staccate dal seno o dal biberon probabilmente ha ancora fame, lasciatelo mangiare con calma, il bambino capisce da solo quando è sazio, oppure semplicemente non vuole staccarsi da voi, provate a calmarlo:

  • cullandolo;
  • cantandogli una ninna nanna;
  • offrendogli il ciuccio.

Ricordate che ogni bambino è diverso e sarà vostro il compito di capire se esiste qualcosa di particolare che riesca a calmarlo.

Infine, il pianto può essere dovuto alla digestione, ecco alcuni metodi per favorirla e rilassare il vostro bambino:

  • classica posizione da ruttino, in braccio con la testa appoggiata alla vostra spalla;
  • sdraiato sulle vostre ginocchia a pancia sotto; massaggiategli delicatamente la schiena;
  • cullatelo tenendelo in posizione seduta.
© Riproduzione riservata
Leggi anche