Notizie.it logo

Che cosa è la preeclampsia post-partum?

Molte donne sentono parlare di preeclampsia, una condizione caratterizzata da ipertensione arteriosa che di solito si sviluppa dopo le 20 settimane di gravidanza.

La preeclampsia, nota anche come gestosi, è una sindrome caratterizzata dalla presenza, singola o in associazione, di segni clinici quali edema, proteinuria o ipertensione in una donna gravida.

Ma questa condizione estremamente grave può verificarsi dopo che il vostro bambino è nato. La preeclampsia post-partum è meno comune, colpisce circa 600 donne l’anno ed è difficile da quantificare.
“La parte scomoda della preeclampsia successiva al parto è il ritardo che può verificarsi tra l’inizio dei sintomi e la diagnosi, il che significa che una grave malattia può diventare pericolosa per la vita,” dice Ira Bernstein, professore di ostetricia e Ginecologia presso l’Università del Vermont College of Medicine. Infatti, secondo la Fondazione di Preeclampsia, circa il 15% dei pazienti post-partum preeclampsia sperimentano gli aspetti più gravi di questa condizione: eclampsia, o convulsioni.

Post-partum preeclampsia

Il Post-partum preeclampsia è uno stato raro che può svilupparsi subito dopo la nascita (di solito entro le prime 48 a 72 ore dopo il parto) ed è caratterizzato da alta pressione sanguigna e eccesso di proteine nelle urine.

In rari casi l’insorgenza di preeclampsia può essere ritardata fino a circa un mese dopo il parto; solitamente viene chiamata preeclampsia successiva al parto ritardato se l’esordio è più di 48 ore dopo il parto. È anche possibile che questa condizione inizi durante la gravidanza, senza mostrare segni o sintomi fino a dopo la nascita del bambino.

Quali sono i fattori di rischio per preeclampsia post-partum?

È difficile determinare chi svilupperà la preeclampsia dopo la nascita, ma ci sono alcuni fattori che possono aumentare il rischio. L’ipertensione gestazionale o l’ipertensione arteriosa dopo 20 settimane, durante la gravidanza passata sono forti segnali; anche la combinazione di alta pressione sanguigna associata a una quantità anomala di proteine nelle urine, è un altro segnale. Il rischio di preeclampsia post-partum può anche aumentare se si è obesi.

Quali sono i sintomi e segni?
I segni di preeclampsia successivi al parto possono essere:

  • Una pressione sanguigna di 140/90 o superiore
  • L’eccesso di proteine nelle urine
  • Nausea o vomito
  • Forte mal di testa
  • Dolore addominale, soprattutto sotto le costole sul lato destro
  • Fuoriuscita di poca urina
  • Aumento di peso
  • Improvvisa mancanza di respiro

“Se notate uno qualsiasi di questi segni o sintomi, contattate il vostro medico di fiducia subito,” dice il Dr.

Martin.

Trattamento e prevenzione di preeclampsia post-partum
Se il medico sospetta che avete sviluppato preeclampsia successiva al parto, probabilmente sarà opportuno essere ricoverata in ospedale per la valutazione ed il trattamento. La preeclampsia dopo la nascita può essere spesso diagnosticata con test di laboratorio, che comprendono prelievo di sangue e delle urine. Il tuo sangue sarà testato per determinare se avete il giusto numero di piastrine (queste aiutano il sangue a coagulare) e per essere sicuri che il vostro fegato e i reni stanno lavorando bene. Per vedere se contiene proteine viene prelevato un campione di urina.
La preeclampsia dopo il parto è trattata con un farmaco anticonvulsivo (solitamente solfato di magnesio) che viene assunto per 24 ore. Dopo l’assunzione del farmaco, il medico controllerà attentamente la pressione del vostro sangue, l’urina e altri sintomi. Un farmaco antipertensivo può essere prescritto se la pressione del sangue è troppo alta.
Purtroppo, non c’è un metodo noto per prevenire la preeclampsia successiva al parto.

La cosa migliore è essere consapevoli di come ci si sente e segnalare eventuali sintomi al medico.

Tutti i contenuti di questo sito web, compreso il parere di un medico ed eventuali altre informazioni relative alla salute, è solo a scopo informativo e non deve essere considerato un piano di diagnosi o trattamento specifico per ogni singola situazione.

L’uso di questo sito e le informazioni ivi contenute non creano un rapporto medico/paziente. Cercare sempre la consulenza diretta del medico in relazione a eventuali domande o problemi, che si può presentare per quanto riguarda la propria salute o quella degli altri.

© Riproduzione riservata
Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaLo zenzero è utile per combattere la nausea che di solito è una conseguenza della chemioterapia, dell’avvelenamento da ...
Littlelife Mini Trolley Tartaruga - LittleLife
79 €
Compra ora
Prozis CoreHR - Smartband con cardiofrequenzimetro
24.99 €
Compra ora