Calmare un bambino che piange: modi testati dai papà

Queste tecniche lo aiuteranno a rilassarsi in fretta.

Calmare un bambino che piange può sembrare un’impresa impossibile, ma alcuni papà hanno scoperto delle strategie efficaci. Ecco tutto ciò che dovresti provare con tuo figlio.

Strategie dei papà per calmare un bambino che piange

Indaga. Per prima cosa, trova la fonte del dolore.

Il pannolino del tuo bambino è bagnato? Ha troppo caldo? O è il momento della dentizione? A volte le basi possono essere dimenticate nello stress del momento.

Fai un po’ di rumore. Canta a squarciagola; può far impazzire tua moglie, ma tuo figlio lo adorerebbe. Fai anche strani rumori, così come qualsiasi suono stupido faccia sorridere il bambino. Le note alte aiutano sicuramente.

Sii sciocco. Puoi metterti qualcosa in testa, lasciarlo cadere ed esclamare: “Oh no, è caduto di nuovo!” Basta essere avvertiti: potresti ritrovarti a ripetere una trovata sciocca più e più volte se funziona.

La disperazione a volte ispira idee sciocche.

Prova il mignolo. Lascia che il tuo bambino succhi il tuo dito più piccolo. “È un classico”, racconta un padre di due bambini. La chiave è inserire il mignolo al contrario, in modo da non graffiare le pareti della bocca con l’unghia.

Fai una passeggiata. Un altro papà dice: “Ho sempre trovato che fare una passeggiata fuori con il bambino nel marsupio (ovviamente tempo permettendo) fosse un buon modo per rilassarsi e ci faceva sempre sentire meglio.

A volte cantavo a mia figlia allo stesso tempo”.

Ballare e ondeggiare. Tieni il tuo bambino sulla spalla e balla dolcemente, dondolando lentamente avanti e indietro.

come calmare un bambino che piange 1200x799

Canta. Batti il piede sul pavimento e canta. Non importa cosa, basta che sia ripetitivo. Abbassa gradualmente la voce quando il tuo bambino comincia a calmarsi.

Indossa il bambino. Metti il bambino in un marsupio o in una fascia e cammina con un leggero movimento ondeggiante. Il calore del tuo corpo, il ritmo del tuo respiro e l’essere in movimento formano un trio calmante.

Aspetta. A volte i bambini piangono e basta. Se il tuo bambino non soffre, non è malato, non ha fame, non è stanco o bagnato, e non vuole essere tenuto in braccio o cullato, allora potresti aver bisogno di lasciarlo piangere. Secondo l’Accademia Americana di Pediatria, alcuni bambini piangono per liberarsi dell’energia in eccesso o per aiutarli ad addormentarsi, e non è insolito che i neonati piangano fino a quattro ore al giorno.

Un papà dice: “Anche se il tuo istinto è quello di consolare e fermare il pianto, qualche minuto non farà male a nessuno. Ci sono tutti i tipi di trucchi e metodi per aiutare, ma ogni bambino è diverso, quindi devi solo imparare al volo e trovare quello che funziona meglio per te per tentativi ed errori”.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sesso post-partum: quando ricominciare?

Guida per i padri al massaggio infantile: come eseguirlo

Leggi anche
  • ZainoZaino scuola per bambini: modelli e marche migliori

    Le vacanze estive stanno finendo ed è tempo di pensare al rietro a scuola; Zaino scuola per bambini: modelli e marche migliori.

  • zainoZaino per bambini delle elementari: il modello migliore del 2022

    Sono tanti i modelli di zaino delle elementari per i bambini, ma il migliore è in grado di trasformarsi in peluche per accompagnarli ovunque.

  • Loading...
  • zaini scuolaZaini scuola: quale scegliere per i propri figli

    La scelta degli zaini scuola per i figli è fondamentale per affrontare l’anno scolastico in arrivo. Sicuramente alla moda, ma comodi e di qualità.

  • zaini per bambiniZaini per bambini: il meglio per la scuola

    Gli zaini per bambini per il ritorno tra i banchi sono in vario tipo, con fantasie e stili diversi: dai personaggi Disney ai super eroi sino a Batman.

  • zaino elementare bambina 2Zaini elementari bimba: le tendenze del momento

    Con l’inizio delle scuole elementari è importante scegliere,per la propria bambina, uno zaino comodo e capiente ma al passo con le tendenze del momento.

Contents.media