Notizie.it logo

Bambino che non parla, quando iniziare a preoccuparsi

Bambino che non parla, quando iniziare a preoccuparsi

Tuo figlio ha ormai due anni ma ancora non parla. Dice alcune parole, ma rispetto ai bambini della sua stessa età ti sembra indietro. Ricordi bene che la sua sorellina, alla sua stessa età, era in grado di mettere insieme delle intere frasi. Sperando che riesca a parlare, spesso si rimanda la consulenza con uno specialista. Si sa che ci sono bambini che parlano, camminano, crescono prima di altri.

Questo scenario è molto comune tra i genitori di bambini che parlano più tardi degli altri. A meno che non osservino altre aree di difficoltà nel corso del primo sviluppo del bambino, i genitori possono esitare a chiedere consiglio a un esperto. In realtà è molto importante discutere dello sviluppo del linguaggio, così come di altri problemi legati in generale alla crescita del bambino, con il medico ad ogni visita di routine del bambino. Può essere difficile stabilire se un bambino è solo immaturo nella sua capacità di comunicare o ha un problema che richiede una specifica attenzione professionale.

Certamente un medico che ha visto crescere il bambino e conosce da sempre la sua situazione psicofisica può essere avvantaggiato nel tratteggiare un quadro più preciso della situazione. Certamente durante il secondo e il terzo anno di vita, il lessico e le capacità di esprimersi del bambino devono crescere e migliorare.

© Riproduzione riservata
Leggi anche