Baby monitor audio e con telecamera: cosa sono e come funzionano

I baby monitor sono strumenti utili per monitorare e controllare le condizioni del proprio bambino, soprattutto per i neogenitori alle prime armi.

Controllare e monitorare costantemente il proprio bambino per intervenire rapidamente nel caso in cui inizi a piangere o abbia bisogno di qualcosa è il principale desiderio ma anche la più grande preoccupazione dei neogenitori. In queste circostanze, la soluzione più gettonata da mamme e papà è rappresentata dal ricorso ai baby monitor.

Baby monitor, cos’è e come funziona

In commercio, sono presenti moltissime tipologie di baby monitor che, al pari di altri dispositivi elettronici, possiedono le più svariate funzioni e caratteristiche. I modelli più recenti, ad esempio, offrono la possibilità di collegare i baby monitor allo smartphone, avvalendosi semplicemente di una commessione Internet.

I baby monitor vengono usati per osservare e controllare a distanza i neonati, soprattutto nelle ore notturne.

Inoltre, consentono di monitorare anche parametri vitali come il battito cardiaco o il respiro.

Alcuni modelli, poi, sono forniti di specifici segnali acustici che mettono tempestivamente in allarme i genitori al sopraggiungere di irregolarità respiratorie, apnee notturne o vengano riscontrate anomalie nei livelli di ossigeno presenti nel sangue.

LEGGI ANCHE: Come scegliere l’assicurazione per i propri figli: garanzie e vantaggi

Vantaggi e svantaggi dell’uso dei baby monitor

Se i baby monitor offrono svariati vantaggi nel controllo a distanza dei movimenti dei bambini appena nati, è pur vero che esistono alcuni aspetti negativi legati all’impiego di questi specifici strumenti elettronici.

Uno studio apparso sulla rivista Journal of the American Medical Association, infatti, ha dimostrato come l’utilizzo del baby monitor possa sviluppare nei genitori ansie superflue o la decisione di sottoporre i propri figli a test e analisi in realtà non necessari ma considerati tali al sopraggiungere di ogni cambiamento, anche il più lieve e insignificante.

Inoltre, è stato spiegato come la campagna di marketing associata a simili prodotti venga costantemente costruita in modo aggressivo e sia volta a incrementare la vendita degli articoli proposti. Campagne pubblicitarie così pressanti, pertanto, tendono a stimolare nei genitori la convinzione che il possesso dei baby monitor rappresenti un fattore indispensabile per svolgere adeguatamente il proprio ruolo e tenere sotto osservazione il proprio bambino.

In realtà, il ricorso ai baby monitor si trasforma spesso in un’ennesima fonte di agitazione.

Inoltre, bisogna ricordare che anche il prodotto più innovativo e tecnologico non sarà mai dotato della precisione e dell’accuratezza insita nei dispositivi a uso clinico, di cui sono forniti gli ospedali.

Baby monitor audio e baby monitor visivi

I baby monitor in commercio possono essere suddivisi in due categorie ovvero quelli che si limitano a trasmettere l’audio e quelli che si estendono anche al campo visivo.

Nel primo caso, i baby monitor audio consentono di registrare i suoni emessi dal neonato e possono indicare alcuni parametri basilari relativi alla salute del piccolo.

I suoni, tuttavia, possono essere spesso interpretati in modo errato dai genitori che, quindi, sono costretti a recarsi di persona dal figlio per sincerarsi delle sue condizioni.

Nel caso dei baby monitor visivi, invece, al suono vi aggiunge anche la trasmissione dell’immagine del bambino. Alcuni prodotti, poi, presentano numerose funzioni e strumenti di personalizzazione.

Una delle principali differenze tra i vari modelli di baby monitor in commercio, poi, riguarda la possibilità di ricorrere a una comunicazione bidirezionale che permetta ai genitori di interagire con il bambino. I prodotti che offrono una simile funzione, però, solitamente non sono dotati di apparato video.

Caratteristiche fondamentali dei baby monitor

Infine, qualora si scelga di acquistare un baby monitor, inteso come strumento di supporto aggiuntivo per i genitori, è necessario prendere in considerazione alcune delle funzioni più utili introdotte su simili dispositivi. In particolare, è utile valutare un modello che sia fornito di:

  • telecamera a infrarossi che si attiva al buio per la visuale notturna;
  • rilevazione dei rumori sospetti;
  • termostato;
  • comunicazione audio bidirezionale;
  • rilevazione dei movimenti respiratori;
  • luci da proiettare sulle pareti per clamare il neonato;
  • ampia copertura del segnale.

LEGGI ANCHE: Unboxing: cos’è e quali rischi comporta per i bambini

Scritto da Ilaria Minucci
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Parto con epidurale, caratteristiche del parto “indolore”

Sindrome dell’ovaio policistico: sintomi e cause

Leggi anche
  • ZainoZaino scuola per bambini: modelli e marche migliori

    Le vacanze estive stanno finendo ed è tempo di pensare al rietro a scuola; Zaino scuola per bambini: modelli e marche migliori.

  • zaini scuolaZaini scuola: quale scegliere per i propri figli

    La scelta degli zaini scuola per i figli è fondamentale per affrontare l’anno scolastico in arrivo. Sicuramente alla moda, ma comodi e di qualità.

  • Zaini elementari bimba: le tendenze del momentoZaini elementari bimba: le tendenze del momento

    Con l’inizio delle scuole elementari è importante scegliere,per la propria bambina, uno zaino comodo e capiente ma al passo con le tendenze del momento.

  • Loading...
  • zaini elementari bambinoZaini elementari bambino: quale acquistare

    Lo zaino è l’accessorio fondamentale per la scuola elementare: in esso verranno riposti tutti gli oggetti necessari per affrontare la quotidianità scolastica. Quali caratteristiche deve avere uno zaino adatto ad un bambino? Di seguito i modelli migliori.

  • Zaini asilo bimbo: i modelli più belliZaini asilo bimbo: i modelli più belli

    Per far affrontare al meglio l’avventura dell’asilo ai nostri figli, vediamo quali sono i modelli migliori e come sceglierli.

Contents.media