Antibiotici e gravidanza

Una volta che quel segno compare sul test di gravidanza, sai che il tuo corpo affronterà un sacco di cambiamenti. Ma quello che probabilmente non sai è che tali modifiche possono significare ulteriori infezioni— e la somministrazione di antibiotici.
Lo studio nazionale sulla prevenzione dei difetti di nascita più recente su più di 13.000 donne incinte ha trovato che circa il 30 per cento delle donne hanno subito almeno un trattamento antibiotico tra i tre mesi prima del concepimento e la fine delle loro gravidanze, più comunemente durante il quarto mese di gravidanza.

Un antibiotico ha il potenziale di causare anomalie congenite nei neonati. Così se prendi l’antibiotico e hai una gravidanza migliore , o lo salti e hai il rischio di difetti di nascita? Non ti preoccupare- – secondo lo studio, non è tutto bianco o tutto nero e sono disponibili molte opzioni. Qui, forniamo consigli su come mantenere sani entrambi, voi ed il vostro bambino.

Funzionalità correlate:

  • Adderall e gravidanza
  • Gravidanza e vaccinazioni
  • Lipitor e gravidanza

Le infezioni virali

Le infezioni virali non devono essere trattate con antibiotici per due motivi:
1) non eliminano l’ infezione.
2) un uso eccessivo di antibiotici crea batteri farmaco-resistenti, così quando hai bisogno di antibiotici, essi potrebbero non funzionare.
Le infezioni batteriche comuni durante la gravidanza includono infezioni alle vie urinarie e gruppo B dello streptococco. Per tali infezioni, gli antibiotici sono i soli farmaci che vi aiuteranno a stare meglio, e si dovrebbero prendere loro nonostante il rischio potenziale per il vostro bambino.

Perchè? In alcuni casi, non trattando la malattia potrebbe essere più rischioso per la salute del vostro bambino rispetto al fatto esporlo ad un antibiotico, secondo la genetista riproduttiva Komal Bajaj, M.D., del Jacobi Medical Center.

Tutti gli antibiotici non sono uguali

“Il termine ombrello ‘antibiotico’ può essere spaventoso per le donne incinte,” dice la Dottoressa Bajaj. ” Gli antibiotici sono una parte importante della nostra pratica clinica.” Se si ha un’infezione batterica, il medico saprà accuratamente scegliere quale antibiotico deve essere prescritto, siccome tutti gli antibiotici sono diversi, dice Dr.

Bajaj. Mentre molti farmaci sono completamente sicuri in gravidanza, altri possono causare anomalie di nascita gravi. L’US Food e Drug Administration (FDA) ha creato un elenco dei farmaci suddivisi in categorie per i medici e i loro pazienti affinchè conoscano la sicurezza prenatale dei farmaci. Le categorie sono A, B, C, D e X. I farmaci all’interno della categoria A sono risultati essere sicuri in donne in gravidanza, mentre i farmaci all’interno della categoria X sono risultati dannosi essere per i feti e non devono essere assunti da donne in gravidanza.

Se siete incinte o state tentando di rimanere incinta, chiedete al vostro medico circa le categorie di gravidanza di eventuali farmaci prescritti. Troverete anche l’indicazione della categoria di gravidanza di ogni farmaco nel suo foglietto illustrativo.
I difetti di nascita connessi ad antibiotici definiti all’interno di categorie X includono anencefalia (una malformazione irreversibile del cranio e del cervello), atresia delle coane (un blocco del passaggio nasale), carenza trasversale degli arti, ernia diaframmatica, difetti dell’occhio, cardiopatie congenite e palatoschisi.

La FDA richiede una quantità relativamente grande di dati di alta qualità su un farmaco per rientrare nella categoria di gravidanza A, ed è comune per le donne incinte prendere farmaci di categoria B, come l’ Augmentin. L’antibiotico è comunemente usato per trattare le infezioni batteriche come la sinusite, la polmonite e la bronchite e per tutto ciò che può essere dannoso per il bambino se non viene trattato. Il farmaco è stato sottoposto a studi di riproduzione animale e sembra non avere alcun effetto negativo sulla gravidanza, dice. Aleksandr M. Fuks, M.D., direttore del dipartimento di ostetricia e Ginecologia presso il Queens Hospital Center.
La penicillina, l’antibiotico più comunemente usato durante la gravidanza, così come altri antibiotici prescritti, non sono risultati essere associati a un aumentato rischio per circa 30 diversi difetti di nascita, secondo lo studio nazionale di prevenzione dei difetti di nascita .
Ma le considerazioni etiche precludono lo svolgimento di sperimentazioni di farmaci nelle donne in gravidanza, così per molti farmaci non è stato effettuato nessun test adeguato e ben controllato, dice il Dr. Fuks. Potrebbero esserci effetti fetali negativi connessi con alcuni farmaci di categoria B che attualmente non vengono riconosciuti. “Deve essere prescritto solo in situazioni dove il medico è fermamente convinto che i benefici del suo utilizzo siano in gran parte superiori ad ogni possibile rischio per il feto e la gravidanza,” dice Dr. Fuks.
Anche se molti antibiotici come la penicillina sono stati utilizzati in modo sicuro per decenni, i ceppi resistenti di batteri stanno costringendo i medici ad usare una gamma più ampia di antibiotici. La sicurezza dipende da vari fattori, tra cui il tipo di antibiotico, in che fase della gravidanza si prende l’antibiotico, il dosaggio e la durata di utilizzo.
Anche se un antibiotico è stato collegato ad un rischio elevato di difetto di nascita, le probabilità rimangono piccole. Ad esempio, il rischio di avere un bambino con la sindrome del cuore sinistro ipoplasico è di circa uno a 4.200. Gli antibiotici a base sulfamidico come Septrim e Bactrim sono associati ad un aumento triplo, rendendo la probabilità circa uno su 1.400, secondo il centro nazionale sui difetti di nascita e disabilità dello sviluppo.

Quali antibitici sono considerati sicuri?

Alcuni antibiotici comunemente considerato SICURI per l’uso durante la gravidanza:
Amoxicillina
Ampicillina
Augmentin
Penicillina
Cephalexin
Clindamycin
Eritromicina

Alcuni antibiotici comunemente considerato PERICOLOSI per l’uso durante la gravidanza:

Bactrim

Ciprofloxacina
Doxiciclina
Furadantin
Macrobid
Macrodantin
Minociclina
Septra
Tetraciclina [Nota: questi farmaci non includono tutti gli antibiotici che sono considerati sicuri o non sicuri durante la gravidanza.]

Raccontare

Non importa se quello che tu e il tuo medico decidete è la giusta linea di azione in caso di infezione, la comunicazione è la chiave. Parla con tutti i tuoi operatori sanitari su eventuali farmaci che si assumono per evitare interazioni farmacologiche e racconta o ricorda sempre al tuo medico che sei incinta quando ricevi la prescrizione di farmaci o cure.
Si dovrebbe anche far conoscere al tuo medico la presenza di eventuali allergie o patologie quali malattie renali , affezioni epatiche (o una storia di epatite o ittero) o mononucleosi, così che possa determinare quale antibiotico è più sicuro per voi, dice il Dr. Fuks. Se si verificano effetti collaterali o se l’infezione non è eliminata , si deve anche avvertire il vostro medico curante.
Copyright © 2011 Meredith Corporation. Tutti i contenuti di questo sito Web, compreso il parere di un medico ed eventuali altre informazioni relative alla salute sono solo a scopo informativo e non devono essere considerati un piano di diagnosi o un trattamento specifico per ogni situazione individuale. L’ uso di questo sito e le informazioni ivi contenute non creano un rapporto medico-paziente.
Chiedete sempre la consulenza diretta del medico in relazione ad eventuali domande o problemi che possono insorgere per quanto riguarda la propria salute o la salute degli altri.

Scritto da Carla Lezzeni
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tutto sull’ecografia alla ventesima settimana di gravidanza

Problemi post partum e soluzioni

Leggi anche
  • Yoga o meditazione zen in gravidanzaYoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

  • yoga gravidanza terzo trimestreYoga in gravidanza nel terzo trimestre: gli esercizi

    Il terzo trimestre di gravidanza è il più pesante. La posizione della farfalla e la posizione propizia sono adatte per prepararsi al momento del parto

  • Loading...
  • Yoga in gravidanza secondo trimestreYoga in gravidanza nel secondo trimestre: i consigli

    Nel secondo trimestre di gravidanza lo yoga è utile per mantenere l’elasticità del corpo in vista del parto. Quali posizioni eseguire senza rischi?

  • yoga gravidanza primo trimestreYoga in gravidanza nel primo trimestre: gli esercizi da fare

    Fa bene alla mamma e al bambino: lo yoga è un ottimo aiuto per vivere i nove mesi di gravidanza serenamente. Quali esercizi nel primo trimestre?

Contents.media