Notizie.it logo

Amori sbagliati: come uscirne

Amori sbagliati: come uscirne

Quando lui non ti presta le attenzioni che meriti, se ti fa sentire inadeguata, se ti ha tradita, abbi un moto di orgoglio, pensa che tu meriti il meglio, lascialo.

Cosa fare se stiamo parlando di una situazione oltre, quando lui ha già cominciato a picchiarti poi a chiederti scusa dicendo che ti ama, poi cerca di convincerti a restare pregandoti, minacciandoti? Cosa fare se ci sono in atto gli atteggiamenti che sono preludio di qualcosa di molto grave?

Secondo le statistiche se lui ha cominciato a picchiarti e a usarti violenza psicologica, non si fermerà , ci sarà un crescendo ; l’epilogo sulle pagine di cronaca nera è possibile ma si può evitare.

” Perché gliel’ho lasciato fare? “ Chiede lo spirito di una donna vittima di femminicidio in ” Ferite a Morte” di Serena Dandini.

Non lasciarglielo fare.

I centri anti-violenza hanno stilato una guida dedicata alle donne maltrattate per aiutarle a lasciare la casa dell’orco;

alcuni consigli:

  • Confidati con qualcuno di cui ti fidi, ti aiuta ad affrontare l’incubo e avrai un testimone dei fatti.
  • Prendi una scheda telefonica del cellulare con un numero che non rivelerai a lui.
  • Apri un conto segreto.
  • Se non sei indipendente economicamente e lui non ti da soldi chiedi aiuto a qualcuno di cui ti fidi.
  • Prendi contatto con una associazione in tutela dei diritti delel donne: ti offrono consulenza legale gratis, indirizzi, un rifugio.
  • Denuncia
  • Fuggi

Prima ancora di tutto questo: insegniamo alle nostre figlie a non avere paura, ad essere sicure , indipendenti, incitiamole alla coltivazione di studi, interessi; insegniamo alle ragazze ad essere forti, a non dipendere psicologicamente da un uomo e dalla sua approvazione, eviteranno di cadere per insicurezza nelle mani di un traditore.

Una rete contro la violenza sulle donne
A chi rivolgersi
I
soggetti pubblici e privati
che in provincia di Trento
si occupano delle donne
vittime di violenza e che
insieme vogliono costituire
una rete contro la violenza
sulle donne sono:
• Alfid, Associazione Laica
Famiglie in Difficoltà, tel.
0461.235008-233528
• Casa Accoglienza alla
Vita Padre Angelo, tel.

0461.925751
• Casa tridentina della giovane, 0461.234315
• Centro Antiviolenza, Associazione
Coordinamento Donne, 0461.220048 e 1522
• Fondazione Famiglia Materna, Rovereto,
0464.435200 (emergenza notte e festiva
0464.435044)
• Punto d’Approdo, società cooperativa
sociale, Rovereto, 0464.422049-421707-
486976
• Oltre a: Servizi sociali (con indirizzi su tutto
il territorio); Consultori, (con indirizzi su tutto
il territorio); Pronto soccorso, (con indirizzi
su tutto il territorio); Carabinieri; Polizia di
Stato; Procura della Repubblica; Polizia

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
  • I figli unici possono davvero sentirsi soli?I figli unici si sentono davvero soli?

    I figli unici possono sentirsi soli? Avere un unico figlio significa dedicarsi a lui a tutti gli effetti ma ciò non significa che tutti i luoghi comuni riguardo ai figli unici siano veri.