Aborto: alcuni consigli per fare chiarezza sui tuoi dubbi

Alcuni spunti di riflessione per aiutarti a capire cosa fare.

Se stai considerando di ricorrere all’aborto per terminare una gravidanza, non sei sola. Dopo aver raggiunto un picco negli anni ’80, il tasso di aborto è sceso significativamente. In parte, ciò era probabilmente dovuto a migliori metodi contraccettivi, ma in alcuni luoghi l’accesso limitato all’aborto può anche aver contribuito al declino.

Le donne interrompono le gravidanze per molte ragioni. Alcuni di questi includono:

  • Non sentirsi emotivamente o finanziariamente in grado di crescere un bambino
  • Sentirsi troppo giovani o troppo vecchie per prendersi cura di un bambino
  • Sentirsi sopraffatte da altre responsabilità
  • Sentire che non è il momento giusto per un bambino
  • Rimanere incinta dopo essere stata violentata o abusata
  • Apprendere dai test prenatali che il bambino ha un’anomalia cromosomica o genetica o un difetto di nascita
  • Sapere che continuare la gravidanza metterebbe in pericolo la tua vita

Nota: se hai avuto rapporti sessuali non protetti negli ultimi cinque giorni, hai ancora tempo per usare la contraccezione d’emergenza per prevenire la gravidanza.

Cosa devo considerare quando decido di ricorrere all’aborto?

Ci sono molte cose da prendere in considerazione quando si decide se abortire o meno. La tua età, i tuoi valori, lo stato delle relazioni, la situazione economica, gli obiettivi futuri, le credenze religiose e la salute possono essere tutti fattori che influiscono sulla tua decisione se avere un figlio o interrompere la gravidanza.

A seconda di quanto sei avanti, potrebbe essere difficile ottenere un aborto in alcuni stati.

Se la gravidanza è pericolosa per la tua salute, dovrai soppesare questo rischio con il tuo desiderio di avere il bambino. Se hai ricevuto una diagnosi che il tuo bambino ha un’anomalia cromosomica o un difetto di nascita, assicurati di capire i rischi e cosa puoi aspettarvi se decidi di continuare la gravidanza.

Altre domande da porsi quando si decide se abortire o meno sono:

  • Quali sono le mie convinzioni personali od opinioni religiose sull’aborto?
  • Come si sente il padre del bambino?
  • Cosa proverei adesso se ponessi fine a questa gravidanza? Come potrei sentirmi a lungo termine?
  • Considererei di dare il bambino in adozione?
  • Sono pronta, disposta e capace di essere un genitore (o di avere un altro figlio)?
  • Che tipo di sostegno avrei se decidessi di crescere questo bambino? Potrei contare sul mio partner o su un membro della famiglia?
  • In che modo avere questo bambino influenzerebbe il mio futuro, la mia istruzione e i miei obiettivi di carriera?
  • Potrei sostenere finanziariamente questo bambino?
  • Potrei occuparmi di questo bambino in aggiunta ai miei altri figli?

Se possibile, discuti le tue opzioni con il padre del bambino o con qualcun altro di cui ti fidi. Può essere un operatore sanitario, un consulente, un amico o un membro della famiglia.

Potresti sentirti sotto pressione per abortire o per non abortire, ma alla fine la decisione di terminare una gravidanza è profondamente personale. Solo tu puoi decidere se è la scelta giusta per te.

L’aborto è sicuro?

Sì. Avere un aborto è sicuro quando la procedura è fatta (o il farmaco prescritto) da un operatore sanitario autorizzato. Secondo l’American College of Obstetricians and Gynecologists, l’aborto legale è estremamente sicuro. Come con qualsiasi procedura medica o farmaco, ci sono alcuni rischi, ma le complicazioni sono rare. Meno di 1 donna su 200 soffre di complicazioni importanti per un aborto, anche se il rischio aumenta leggermente con aborti eseguiti più tardi nella gravidanza.

Potresti anche aver sentito che avere un aborto aumenta il rischio di cancro al seno o di depressione, ma gli studi hanno smentito questi miti. Un’altra credenza comune è che avere un aborto ti renderà incapace di avere figli in seguito. Anche questo è estremamente improbabile; molte donne che hanno abortito continuano ad avere bambini sani in futuro.

L’aborto è legale?

Sì, ma gli stati hanno diverse restrizioni su come e quando si può avere un aborto, e generalmente si applicano sia ai farmaci che agli aborti in clinica.

I medici attualmente considerano un bambino vitale intorno alle 24 settimane di gravidanza. Le donne hanno abortito anche prima di alcune leggi, ma le procedure erano generalmente illegali e spesso non sicure. Alcune donne cercavano di indurre l’aborto da sole o andavano da fornitori senza licenza. Il risultato era un alto numero di morti per aborto. Nel 1965, gli aborti illegali rappresentavano quasi 1 su 6 morti legate alla gravidanza e al parto.

Alcuni stati richiedono di avere una consulenza prima di abortire, di aspettare per un certo periodo di tempo (di solito 24 ore dopo una sessione di consulenza, ma a volte fino a 72 ore), o di ottenere il permesso di un genitore se hai meno di 18 anni. Le restrizioni possono anche proibire di abortire una volta che la gravidanza ha raggiunto un certo stadio.

A seconda di dove vivi, potrebbe essere difficile trovare una clinica che esegua un aborto dopo le 12 settimane di gravidanza. Se stai pensando di interrompere la gravidanza, è importante parlare con un operatore sanitario delle tue scelte il prima possibile.

aborto consigli

Quali sono le alternative?

Diventare genitori o allargare la famiglia

Avere un figlio può essere incredibilmente gratificante, ma è importante avere sostegno. Chiedi ai tuoi cari di aiutarti e parla con i genitori che l’hanno fatto funzionare. Pensa a come gestirai le sfide dell’aggiunta di un bambino alla tua famiglia e all’impatto che un nuovo bambino avrà su di te a livello emotivo, logistico e finanziario. Se non sei ancora genitore, rifletteti sulle tue aspettative sulla genitorialità.

Adozione

Puoi decidere di continuare la gravidanza, far nascere il tuo bambino e poi terminare i tuoi diritti di genitore in modo che un’altra famiglia possa adottare il bambino. Le leggi sull’adozione variano da stato a stato per quanto riguarda il fatto che anche il padre biologico del bambino debba terminare i suoi diritti.

Le leggi determinano anche quanto contatto puoi avere con il tuo bambino; si tratta dell’adozione aperta. Alcuni stati permettono solo le adozioni chiuse, il che significa che non saprai chi adotta tuo figlio e non potrai comunicare con la famiglia o con lui.

Trova un’agenzia d’adozione o un avvocato che possa rispondere alle tue domande in modo completo, solidale e senza pregiudizi. La maggior parte degli avvocati per le adozioni rappresenta legalmente i genitori adottivi, non la madre naturale, quindi potresti aver bisogno di trovare un avvocato.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Valutare la tua prontezza come genitore: consigli

Termini legati alla gravidanza che devi conoscere

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • Loading...
  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media