Se credi di essere intelligente, ringrazia tua madre!

madre

L’intelligenza è in gran parte genetica; ma da chi ereditiamo questo carattere? Dal padre, dalla madre o da entrambi? Scopriamolo insieme!

Ehi, mamme! Il vostro bambino è bravo nei test? Complimenti a voi! Secondo un recente studio sull’intelligenza di Psicologia Spot, l’intelligenza dei bambini proviene dalle loro mamme.

Che bella notizia! Anche se abbiamo sempre saputo che l’intelligenza fosse ereditaria, fino a pochi anni fa pensavamo che gran parte di essa dipendesse dal papà. Ma ecco che si scopre che ci sbagliavamo. Infatti parecchi studi oggi affermano che, poiché i geni dell’intelligenza sono localizzati sui cromosomi X — di cui le donne hanno due copie —è molto probabile che i nostri figli siano brillanti grazie a noi!

Leggi anche Giochi in casa per stimolare l’intelligenza dei bambini

E senti questa: alcuni ricercatori a Glasgow hanno intervistato 12.686 persone tra i 14 e 22 anni, ogni anno dal 1994, tenendo conto di fattori come il colore della pelle, il livello di istruzione e lo status socio-economico di appartenenza.

Sai che cosa hanno scoperto? Il miglior fattore di previsione dell’intelligenza era il QI della madre. Addirittura, i quozienti intellettivi dei partecipanti variavano solo di circa 15 punti da quelli delle loro mamme.

Leggi anche Può la dieta di un bambino modificare il suo QI?

A questo punto i papà potrebbero ribattere che anche loro meritano almeno qualche merito per l’intelletto dei loro figli. Dopo tutto, hanno un cromosoma X, è vero. Ma ecco la verità: secondo lo studio, i geni si comportano in modo diverso a seconda che provengano da nostra madre o da nostro padre. E alcuni geni, come quelli portatori dell’intelligenza, a quanto pare funzionano solo se provengono dalla madre. Se quello stesso gene è ereditato dal padre, esso verrà disattivato.

Mi dispiace, cari papà. Ma guardate il lato positivo: non sarete voi i responsabili delle capacità intellettuali di vostrofiglio, ma lo studio ha rivelato che altri geni funzionano in modo opposto e vengono attivati solo se provengono da voi ometti.

Leggi anche Cause dislessia del bambino

Adela Actman Becker è una scrittrice freelance, blogger e mamma.

Date un’occhiata al suo sito holleeactmanbecker.com per saperne di più e seguitela su Twitter a @holleewoodworld.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*