Gli esami da effettuare dopo 6 settimane dal parto

featured-53184

Gli esami post-partum

Dopo aver trascorso nove mesi dentro e fuori sale mediche, sale di ecografia, e, infine, l’ospedale, puoi benissimo essere stanca di ospedali e cliniche onnipresenti.

Ma un checkup dopo sei settimane dal parto è un controllo che non si può rimandare. È fondamentale che il medico tenga sotto controllo il processo di guarigione post partum.

Il parto è un processo normale ma alcune donne subiscono alcune scosse di assestamento di salute, ed è importante che siano esaminate e trattate tempestivamente.

L’incisione & il tuo utero

La maggior parte dei medici e ostetriche hanno una lunga lista di aree che richiedono particolare attenzione, dopo il parto. Tale elenco comprende:

1. incisione.Se hai avuto l’episiotomia, controllare l’incisione è la prima cosa sulla lista del medico,” dice Siobhan Dolan, assistente direttore medico della March of Dimes a White Plains, New York. “Ho pensato che doveva essere la parte peggiore,” dice Dara Milton di Sarasota, in Florida., “ma la mia episiotomia stava guarendo bene, così è stato indolore“.

La maggior parte dei problemi di incisione si verificano entro 10 giorni dal parto, secondo Re di Tekoa, infermiera-ostetrica certificata a San Francisco.
Se in qualsiasi momento successivo al parto, si nota un insolito arrossamento, dolore o fluido proveniente dall’incisione, contattare il medico.

Se hai avuto un cesareo, probabilmente avrai un check-up preliminare a circa due settimane e un altro alle sei settimane.

2. utero, ovaie e cervice. Effettuare un esame pelvico. Il medico deve controllare che gli organi riproduttivi ritornino nel loro stato prepregnancy (sorprendentemente, l’utero dovrebbe ridurre la dimensione di un pugno). Inoltre bisogna controllare se l’utero presenta segni di infezione.

Annualmente poi un checkup aiuterà, il medico a controllare le ovaie e ad eseguire un Pap test per verificare se sono presenti cellule cervicali anomale.

Seno e salute

3. i seni. Il seno passa attraverso tanti cambiamenti durante la gravidanza e dopo il parto è importante per il medico controllare ciò che è normale e cosa non lo è. In primo luogo, il medico farà al tuo seno un approfondito esame per esaminare i dotti lattiferi. Secondo il Dr.Dolan, questi possono svilupparsi in mastite che non è altro che un’infezione causata da batteri presenti a livello cutaneo, ma anche l’ostruzione di un dotto galattoforo (da dove esce il latte) che fa ristagnare il latte causando l’infiammazione.

Se l’avete l’infezione la zona diventa rossa e calda e si possono anche sviluppare sintomi simil-influenzali, come febbre e dolori del corpo.

Questo problema può verificarsi in qualsiasi momento successivo al parto, quindi è preferibile segnalare qualsiasi dolore al seno al medico o all’ostetrica di fiducia. Un antibiotico sicuro per le madri che allattano può far sparire l’infezione.

4. la salute generale. La gravidanza colpisce quasi ogni funzione del corpo, ragion per cui è importante ottenere un controllo di salute generale. Il medico controllerà il peso e la pressione del sangue, il polso e ascolterà il torace.
Il medico chiederà se si stanno ancora assumendo vitamine prenatali; se si sta allattando, è particolarmente importante ricostituire il corpo con calcio, ferro ed altre sostanze nutrienti.

Verrà effettuato anche un controllo su vescica e intestino. Il medico chiederà se ci sono fuoriuscite di urina, urgenza estrema delle viscere o stipsi fastidiose.

È anche importante che il medico controlli manualmente la tiroide, una ghiandola a forma di farfalla del collo che è molto attiva nella produzione di ormoni durante la gravidanza, per assicurarsi che sia di dimensioni normali,” secondo l’ostetrica Re.

Se la tiroide è di grandi dimensioni, potrebbe non funzionare correttamente e si devono quindi effettuare analisi del sangue per determinare se si devono assumere farmaci.

Donne che in gravidanza hanno vissuto con particolari condizioni di salute necessiteranno di una cura follow-up. Ad esempio: in chi ha avuto il diabete gestazionale, il medico controllerà la glicemia e suggerirà un trattamento farmacologico continuo e un regime di dieta, se il problema persiste.

La salute mentale

5. la salute mentale. Il benessere emotivo di una donna in un controllo post-partum è vitale come il controllo della sua salute fisica, gli esperti dicono. “È importante parlare di come sta andando la maternità,” dice il dottor Dolan. “Se ti senti sopraffatta, il medico ti metterà in contatto con aiutanti post-partum“.
Si possono anche eseguire screening per la depressione post-partum. Fino al 30% delle mamme soffre di depressione entro un anno dalla nascita del bambino, secondo un recente studio di Cheryl T.

Beck, che ha studiato il problema per due decenni. Beck ha messo a punto una scala di depressione per valutare nuove mamme su una gamma di sintomi, quali ansia, sbalzi d’umore, sentimenti di isolamento, o pensieri di suicidio.
Nella sua ricerca ha valutato che donne con sintomi di depressione post partum elevate, monitorate con antidepressivi e supportate da una terapia di gruppo riescono a tenere sotto controllo i sintomi.

Tornando alla normalità

Se tutto va bene con il benessere e la salute, il medico probabilmente darà il via libera per poter riprendere una normale attività. Donne che hanno avuto parti vaginali possono condurre una vita regolare, e pazienti che hanno subito un taglio cesareo possono guidare, sollevare oggetti pesanti ed avere un’altrettanta vita regolare.

E per tutte, il medico probabilmente dirà che si può di nuovo iniziare a fare sesso con il proprio partner. Quindi avrete bisogno di avere un colloquio sulla contraccezione.

“Una delle parti più importanti di questo checkup è la pianificazione familiare. “È possibile rimanere incinta subito dopo tornando a casa dall’ospedale,”dice Margaret Comerford Freda, un’infermiera professionale e specialista di educazione sanitaria certificata presso l’Albert Einstein College of Medicine di New York City. Un metodo di barriera per il controllo delle nascite, come il diaframma, deve essere controllato, poiché la cervice può avere cambiato dimensione dopo la gravidanza.
Si consiglia di modificare il metodo di controllo delle nascite interamente; che cosa ha funzionato per voi prima non può andare bene nuovamente. Se prima si usava prendere la pillola, ad esempio, si potrebbe decidere di provare uno IUD perché prendere ancora medicine può ora essere l’ultima cosa che si vuole ricordare di fare. Inoltre è saggio chiedere al medico di fiducia le nuove forme di contraccezione.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*