5 cose che potrai fare in modo diverso quando diventerai mamma per la seconda volta!

5 cose che cambieranno quando diventerai di nuovo mamma!

Ciao mamma, sei in attesa del tuo secondo figlio? Cambierà qualcosa rispetto al primo? Cinque cose saranno sicuramente diverse, ecco la lista!

Anche se il figlio in arrivo sarà sicuramente amato come il primo, la maggior parte delle mamme vi dirà che il secondo bambino rappresenta una svolta, poiché riuscirà a cambiare il tuo ruolo da genitore. E che non è necessariamente una cosa negativa. Molto probabilmente, da mamma per la seconda volta, inizierai ad avere dei comportamenti nuovi: innanzitutto accetterai l’abbigliamento ridicolo. Con la mia prima bambina avevo una raccolta infinita di splendidi corredini, adorabili abiti e vestiti e coperte fatte a maglia. Lavavo tutto con detersivo delicato, adatto ai bambini e appendevo questi gioielli nell’armadio per la scuola materna, ordinando per stagione e dimensioni. Quando andavamo dal pediatra per i nostri controlli mensili, le mettevo un abito speciale con bavaglino e scarpine abbinate. E se il mio piccolo gioiello rigurgitava? Cambiamento totale del vestito.

Il mio secondo figlio, invece, ha indossato una serie di di vestiti molto diversi– a volte macchiati, a malapena piegati e riposti nel primo cassetto del suo comò. Il povero bambino ha avuto una camicia leggermente umida per i primi quattro mesi della sua vita (bavaglini? Che cosa sono i bavaglini?) e non mi prendevo sicuramente la briga di mettergli dei calzini fino a quando ha iniziato ad indossare delle scarpe. Un detersivo speciale per i bambini? Tutti i vestiti del mio secondo figlio sono stati lavati insieme al il resto dei vestiti della famiglia.

Smetterai di essere germofobica. Molte donne, compresa la sottoscritta, diventano follemente ipocondriache quando diventano madri. Tutto ad un tratto capiamo che il mondo è pieno di germi che aspettano solo di infettare il nostro piccolo bambino indifeso! Con la mia prima figlia, bollivo biberon e ciucci giornalmente, pulivo i giocattoli con delle “salviette biologiche per giocattoli” (Sì, esistono!) e possedevo litri di disinfettante: una bottiglia era strategicamente posizionata davanti alla porta e una mini-versione penzolava dalla mia borsa di pannolini per un facile accesso.

A nessuno era permesso di toccare il mio bambino senza lavarsi prima le mani . E se starnutiva, tossiva o tirava su con il naso— anche solo una volta — nella nostra direzione, il mio atteggiamento era, praticamente “si prega di tenersi a distanza perché sei chiaramente malato. E non voglio la tua malattia intorno al mio bambino.” Con il mio secondo figlio, invece, ho iniziato ad abbracciare i germi. Se qualcosa cade sul pavimento, lo prendo in mano, lo strofino sulla gamba del pantalone e glielo passo. Non ho mai disinfettato un carrello del supermercato prima di mettervi sopra il bambino. Il piccolo ha addirittura mangiato un pacco di Cheerios caduto per terra..

Cambierà il tuo standard di pulizia. Quando sono diventata mamma, non volevo smettere di pulire casa, organizzare la lavanderia e sistemare i giocattoli. Con il secondo bambino, a volte passano dei giorni prima che io abbia scaricato la lavastoviglie, la lavanderia si accumula spesso e, se riesco a mettere tutto in ordine una volta a settimana, grido vittoria.

Ogni scusa è buona per sedersi e riposarsi quando necessario. “Ci saranno sempre i piatti, la lavanderia e l’organizzazione della casa — ma cercate di salvare la vostra sanità mentale,” dice la mamma di Anita e Belle.

Rinuncerai a documentare ogni piccola pietra miliare. Ho un libro del bambino perfettamente completo che illustra tutte le prime tappe di mia figlia.Ho foto e video di lei che fa tutto — cerca un cracker per la prima volta, addormentata, le spuntano i primi dentini. Per la mia seconda, ho scattato delle foto in ospedale e oggi, tre anni più tardi, non ho idea di dove siano. Non ho un libro del bambino per lui, non so dove o quando ha mosso i suoi primi passi e la maggior parte delle foto di lui da neonato sono state scattate da sua sorella di 3 anni con il mio telefono (significato: sono sfocate e non identificabili perché sono state scattate da una bambina di tre anni).

Sarai più tranquilla. Con il mio primogenito mi preoccupavo per ogni cosa.

Mangiava, dormiva, faceva abbastanza cacca? E se si faceva male, mio Dio, sentendo le sue urla mi veniva voglia di piangere. Ma con il mio secondo bambino, la mia ansia ha rallentato un po’. “Quando il tuo primo bambino cade, stai sveglia tutta la notte. Con il secondo, invece, ‘ sei vivo?…Ok, perfetto,'”dice la mamma di Marni e Nathanson. E tutte quelle ricerche su Google fino a tarda notte dei pannolini migliori per la notte o di come scoprire se tuo figlio ha la febbre senza effettivamente inserire un termometro rettale cadranno nel dimenticatoio. “Quando sono diventata mamma ho studiato tutto alla perfezione,” dice una mamma di due bambini, Olivia Howell. “Con il secondo bambino, la mia sicurezza era alle stelle, molte cose che accadevano non erano più così spaventose.” Monica Banks, un’altra mamma di tre figli, concorda: “Farete molte cose in modo diverso,” dice. ” Controllavo ogni venti minuti per vedere se il mio primo figlio, Nato, stava respirando.

Sono impazzita chiedendomi se, con il mio latte, mio figlio stava prendendo peso in modo sufficiente. La seconda volta, per fortuna, ho capito che potevo rilassarmi un po’, non c’era più la paura della prima mamma.

Amen, sorella.